Casamona

Villaggi
Frazione di Casamona
 
Percorso 2
   
  Indietro

Da Loro verso San Giustino, oltrepassato sulla destra il bivio per Ganghereto, si sale verso Casamona (h m 630), che si raggiunge dopo 4.000 m.
Il borgo antico -circondato ora da numerose abitazioni moderne immerse nella macchia- prende verosimilmente il nome dal primo importante proprietario che vi ebbe una fattoria, e che doveva chiamarsi Simone, da cui Casa di Simone e poi Casa di Mone, Casa Mone e, quando il riferimento onomastico non ebbe più forza evocativa, Casamona.
Si è ipotizzato che tale Simone fosse un membro della famiglia dei conti Guidi, che possedettero in un certo momento il territorio dal Casentino fino a Firenze, Prato, Empoli ed oltre.
La comunità di Casamona aveva la propria parrocchia a Faeto, mentre era aggregata al Comune dell'Anciolina, e nel 1565 ebbe propri rappresentanti fra i riformatori degli Statuti di quel Comune.
Nel XVII secolo a Casamona ebbe dimora la nobile famiglia Forzoni Accolti, e ne resta ben conservato il palazzo con annessa cappelletta eretta nel 1697, che al suo interno ha un altare in pietra serena elegantemente scolpito, ed un pregevole crocifisso ligneo.

La visita richiede 15 minuti.